Viaggiare senza soldi (o quasi) si può: come fare

Potrebbero interessarti anche...

11 Risposte

  1. Girovagoblog ha detto:

    Ciao,
    nel leggere questo post, qualcosa tipo brezza mi ha risvegliato. Mi ha semplicemente incoraggiato a perseguire quell’inquietudine: staccarsi da scrivanie, open space e 4mura diabolicamente abbellite 😉

    Buon viaggio e goditi la strada….

  2. arianna ha detto:

    ciao, nel tuo post ho trovato la risposta ad una delle solite pippe quotidiane sugli impegni improrogabili! Molto piú facile del previsto, adesso posso andare a dormire tranquilla 🙂
    Grazie e buon viaggio!

  3. isabella ha detto:

    È da qualche settimana che ho un’inquietudine che mi da senso di libertà al sol pensiero.
    Presto vorrò mettermi in strada come hai fatto tu.
    Per ora studio il mio nuovo stile di vita e nei prossimi mesi darò il via.
    Buon viaggio 🙂

  4. Vale ha detto:

    ciao! volevo capire una cosa: con quale tipo di visto parti: il visto turistico? te lo chiedo perchè sapevo che con quello non si può lavorare….come si può risolvere? grazieeee e davvero tanti complimenti! :)))))) sei una forza!!! ^^

    • Brì ha detto:

      ciao Vale, il visto ti serve solo in determinati paesi, dipende da dove vuoi andare: per esempio quando partii io, in tutto il Sud America il visto era necessario solo in Brasile. è vero, il visto turistico non permette di lavorare e, anche se vuoi fare un’assicurazione, c’è differenza tra assicurazione per turismo e per lavoro. Informati bene prima di decidere il Paese dove ti interessa andare. Io onestamente non ho cercato lavoro in viaggio 🙂

      • Vale ha detto:

        grazie per la risposta. Ma tutti quei lavoretti che hai fatto qua e là, li hai fatti come turista? negli ostelli, nei ristoranti ecc..:)

      • Brì ha detto:

        ero alla pari, vuol dire che non ho mai ricevuto un compenso ma in cambio di qualche ora di lavoro avevo in cambio vitto e alloggio. se tu cerchi un lavoro per qualche settimana o mese, è difficile che qualcuno si prenda la briga di farti un contratto, quindi poco importa quale visto tu abbia 😉

  5. Sabrina ha detto:

    Ciao Brì, bellissima la tua esperienza! Anch’io ho mollato tutto, vivo in Venezuela con il mio compagno Andrea. E abbiamo una vita nuova (che poi è il nome del nostro blog: http://vitanuovaxx.blogspot.com/) qui bisogna adattarsi, ingegnarsi, e avere tanta pazienza per una serie di problematiche presenti nel paese, ma siamo felici e liberi da tutto cio’ che invece in italia ci soffocava! Ho letto con piacere il tuo blog, ritrovandomi nelle tue parole e nei tuoi pensieri…e si dici bene “OGGI E’ IL DOMANI DI CUI CI PREOCCUPAVAMO IERI! E NON E’ POI COSI’ MALE! Ti abbraccio e ti auguro il meglio x la tua avventura!

Se ti va, lasciami un messaggio!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.